La “Modest fashion”: tra Corano e Ramadan Rush

E’ una nuova tendenza quella che si sta insinuando nel mondo della moda internazionale: i maggiori acquirenti non sono più i business man indoeuropei, ma gli sceicchi del lontano oriente che, con i loro patrimoni e castelli dorati, possono permettersi ogni tipo di lusso più sfrenato, dagli abiti ricamati con i fili dorati alle scarpe tempestate di pietre preziose e diamanti. E loro donne non sembrano per nulla disdegnare: sempre aggiornate sulle ultime tendenze, possono assistere alle presentazioni delle collezioni in anteprima, indossare le creazioni più particolari di stilisti di tutto mondo, richiedere le personalizzazioni più stravaganti di abiti e accessori; il tutto però sempre nel rispetto più assoluto della propria cultura e delle leggi coraniche.

Nei paesi del medio-oriente più “flessibili”, l’abaya e l’hijiab (tradizionale veste e velo musulmano) si arricchiscono di ricami e colori accesi, ricoprendo spesso abiti, tailleur e pantaloni d’alta moda, ma pur sempre rispettando le lunghezze più rigorose e l’assenza di silhouette. Le donne più giovani si cimentano nel fashion-system diventando vere e proprie stiliste e blogger, mentre quelle più mature hanno consacrato il “Ramadan Rush”, la corsa allo shopping sfrenato nel sacro mese del digiuno.

Se da una parte stilisti arabi come Elie Saab, Zuhair Murad e Georges Charka hanno conquistato l’occidente con la loro sofisticata eleganza, dall’altra le maison europee si sono adattate sempre di più alle esigenze delle buyer musulmane, creando delle vere e proprie collezioni ad hoc. Caso emblematico è stato Dolce&Gabbana, il quale ha traslato la fantasie floreali della collezione autunno-inverno 2016 all’abaya e hijiab, o ancora H&M, che per la prima volta ha introdotto le donne velate nelle proprie campagne pubblicitarie.

Una “modest fashion”, quindi, che non solo si pone come forte fenomeno d’integrazione e globalizzazione tra cultura occidentale e orientale, ma che richiama anche il significato originario di eleganza, basato sull’esaltazione dello charme femminile e il conseguente abbandono della volgarità.

Veronica Volpi

moda-araba-dolce-gabbana-752218Dolce-Gabbana-la-collezione-Abaya-per-donne-musulmane_o_su_horizontal_fixed1826c4f41a69483cfc47accbdee645a9DG-LB-DONNA-PE-16_DUBAI_13-782x480HM-hiyab211419204_1472221539741013_92823694_n-kIqD-U43120292053843U0E-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443

Schermata 2016-04-13 alle 22.42.24

Nadya Hasan @The Fierce Diary

Zuhair Murad

Photo credits courtesy of Zuhair Murad, Nadya Hasan @The Fierce Diary, Dolce&Gabbana, H&M

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...