Milan Design Week 2016

Come ogni anno, il mese di aprile ha significato per Milano l’arrivo delle novità in materia di design, arredamento e confort-life. Stilisti, designer e per la prima volta operatori del settore wine-food hanno unito le loro idee e forze per creare oggetti sempre nuovi e funzionali per il living quotidiano, senza dimenticarne le caratteristiche estetiche e il piacere dei sensi.

In generale si è assistito a un ritorno alle origini: materiali organic ed ecosostenibili sono stati la base per mobili e complementi di arredo, a tal punto da inserire persino l’orto stesso nelle terrazze di casa. Attenzione per la natura si, ma senza trascurarne la funzionalità e comodità: se da una parte cucine ipertecnologiche ci distoglieranno sempre di più dalle preoccupazioni quotidiane casalinghe, dall’altra il piacere del confort di sedie, divani e letti allevieranno il corpo dall’aumento di stress, luci soffuse rilasseranno occhi e mente, mentre la cromoterapia assumerà quasi una funzione psicanalista.

Sulle novità in materia di collaborazioni tra stilisti e designer, ancora una volta Kartell si è posizionato in prima fila, lasciando i propri oggetti iconici nelle mani di sarti e stilisti: Lapo Elkann ha applicato la tecnica del car wrapping alle sue sedie, mentre N°21 ha “vestito” l’iconica lampada Tatì Lace di Ferruccio Laviani.

Non da meno è stato Louis Vuitton, da sempre protagonista della manifestazione con la sua linea Objets Nomades, che ha arricchito il concept del viaggio con la Chaise Longue di Marcel Wanders.

Etro, Roberto Cavalli, Versace e Armani hanno ampliato le loro home collection con nuove fantasie a tema floreale, mentre Marni ha acceso il mondo della danza trasformando lo spazio di Viale Umbria in una sala da ballo con tanto di ballerini che danzano in un set ispirato alla Colombia.

Non da meno sono state le installazioni promosse da Tommy Hilfiger, che ha dato vita a un’isola temporanea, in perfetto stile caraibico per rendere omaggio alla campagna pubblicitaria Hilfiger Denim Primavera Estate 2016, o ancora l’installazione video-interattiva METEOMORPHOSIS che da sfondo ai capi e calzature di GORE-TEX® realizzati in Limited Edition dai Brand Partner internazionali come Acronym, Asics, Camper, Clarks, Herno, Frau, Kennel & Schmenger e Nanamica.

Ultimo, ma non meno importante, grande successo del Made in Italy è stata la collaborazione tra Smeg e Dolce&Gabbana: gli stilisti hanno fatto dipingere a mano l’iconico frigorifero FAB28 Smeg da artisti siciliani con fantasie e ricami tratti dalla tradizione. Dal carretto siciliano alla frutta del sole, come i limoni, i temi degli abiti delle sfilate sono stati ripresi in 100 pezzi unici che fondo la creatività dell’arte e cultura con la tecnologia del nostro paese.

lv-objets-nomades-miami-1louisvuitton_loungechair_content_01_moLouis-VuittonLa-Chaise-Longue-di-Marcel-Wanders-per-Louis-Vuitton_image_ini_620x465_downonlytati-lampada-tavolo-kartell-11460490372-12963608-10208652470247682-4486524957061405293-n12568749_495659610643002_1595320503_ndolce-and-gabbana-and-smeg-collaboration-for-carretto-siciliano-refrigerator-Landscape-04-560x315dolce-and-gabbana-and-smeg-collaboration-for-carretto-siciliano-refrigerator-Landscape-01-560x315

Photo credits courtesy of Dolce&Gabbana, Louis Vuitton, Kartell

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...