David Bowie: the Chameleon’s Theory in the fashion system

“Ho sempre voluto essere un istigatore di nuove idee, ho cercato di provare tutto ciò che potesse essere uno strumento artistico, ho cercato di essere una rivoluzione fatta uomo”.

Così David Bowie amava descrivere la sua vita, definendosi rivoluzionario e influencer di ogni sfera del mondo artistico. E così è stato, lasciando dietro di sé una grande eredità in materia di musica, cinema arte e moda.

Enigmatico, ecclettico, rivoluzionario e trasformista, durante la sua esistenza è stato un vero e proprio “camaleonte del rock” in grado di personificare diversi ruoli e personaggi ognuno dei quali mentori di un movimento artistico, culturale e ideologico.

Ogni sua trasformazione è stata accompagnata da uno stile specifico dotato di una forza tale da influenzare più di ogni altro il modo della moda e il lavoro di stilisti classici e innovatori, che vedevano in lui una vera e propria fonte di ispirazione da cui trarre continuamente spunto in tema di colori, forme e materiali.

Primo fra tutti, Jean Paul Gaultier ha annoverato in varie sfilate il Duca Bianco attraverso pettinature rosso fuoco, make-up “infiammati” e pantaloni sixties: emblematica fra tutti è stata la passerella con Ziggy Stardust di modelle uscite con la famosa tuta a fantasia stellare e pettinatura “a cresta” rosso fuoco.

Più avanti con gli anni, la maison Gucci, sotto la guida di Frida Giannini, ha portato nelle boutique l’iconica giacca con spallotti di pailettes, il tailleur dorato e il bolerino con le frange, reinterpretando questi capi in una chiave contemporanea, moderna idonea al confort dello street style.

Anche Chanel ha omaggiato più volte lo stilista, come nel caso della creazione dei mocassini dorati con triplo fondo, oppure Alexander McQueen, con la creazione del cappotto con la stampa della bandiera inglese riportato sulla copertina dell’album album “Earthling” del 1997.

Non da meno sono state le grandi redazioni giornalistiche di moda: da Vogue che più volte ha immortalato nelle sue pagine modelle truccate con l’emblematico fulmine sul viso, tra cui Kate Moss, a Elle, Marie Claire, GQ e quant’altro.

Una vera e propria stella, quindi, la cui impronta rimarrà indelebile nell’arte e nella cultura per i secoli a venire.

Veronica Volpi

Schermata 2016-01-20 alle 23.05.42

Schermata 2016-01-20 alle 23.05.29Schermata 2016-01-20 alle 23.04.33

Schermata 2016-01-20 alle 23.04.24Schermata 2016-01-20 alle 23.04.14

Schermata 2016-01-20 alle 23.04.07

Schermata 2016-01-20 alle 23.03.56

Schermata 2016-01-20 alle 23.03.47

Schermata 2016-01-20 alle 23.03.35

Photo credits courtesy of David Bowie.org and Vogue.it

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...