Milan Fashion Week Day 2: Blugirl

Se la famosa critica Suzy Menkes ha definito questa Milan Fashion Week come un ritorno agli anni ’70, ai “figli dei fiori” e agli hippies con i loro motti “peace and love”, i capelli al vento e le corolle di fiori, sicuramente Anna Molinari con Blugirl ha contribuito fortemente ad elaborare questo pensiero.
Già la location ci rimanda al tema: una passerella costruita sopra un grande prato con le panche in legno disseminate qua e la per gli ospiti, quasi come uno spicchio del Coachella festival costruito nel mezzo di Milano. Le modelle che fuoriescono sembrano le attiviste della fine degli anni ’70 contro la guerra in Vietnam: gli abiti fiorati, leggeri in schiffon, stretti alla vita con cinture di camoscio, i camperos ai piedi marroni e i monili etnici fatti a mano utilizzati come gioielli e per tenere legati i capelli scompigliati. Non mancano meno abiti in pizzo, giochi di trasparenze con reggiseni in bellavista, senza però dimenticare una sensuale naturalezza tipica di una donna che vuole vivere in stretto contatto con la natura e che non vuole rinunciare alla sua libertà.

Courtesy of Vogue.it
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...